Salute

Quando preoccuparsi se hai gli occhi rossi: ecco tutti i segnali d’allarme

occhi rossi

Naturalmente, gli occhi arrossati possono comparire anche dopo una notte fuori a bere o dopo aver consumato alcune sostanze stimolanti o stupefacenti.

Tuttavia, sono molti i fattori all’origine degli occhi rossi da non sottovalutare, in quanto possono causare problemi alla vista permanenti. Quindi, se notate delle anomalie nei vostri occhi, fareste meglio ad assicurarvi che dietro non ci sia uno di questi 7 problemi di salute:

Orzaiolo

L’orzaiolo è uno dei problemi di salute più comuni legati all’occhio. Un orzaiolo esterno si presenta come un nodo rossastro sulla palpebra. Un orzaiolo interno può invece causare il gonfiore di una zona o dell’intera palpebra. La causa è un batterio che porta all’infiammazione delle ghiandole sebacee delle palpebre. Essendo di origine batterica l’orzaiolo può essere contagioso, quindi bisogna sempre lavarsi le mani dopo averlo toccato.

Ma dal momento che potrebbero essere altre le cause dell’orzaiolo, si raccomanda una visita dal medico oculista. In caso si soffrisse spesso di orzaiolo, potrebbe essere dovuto al diabete mellito o a un sistema immunitario indebolito.

Sindrome Sicca oculare o sindrome di Sjögren

Il sintomo principale della “sindrome sicca” è la secchezza oculare. La causa può essere o la carenza di liquido lacrimale o la sua composizione errata. In quest’ultimo caso, il liquido lacrimale evapora troppo rapidamente perciò gli occhi (anche se lacrimano) non restano umidi.

Ci sono anche fattori esterni a causare la secchezza oculare, come le correnti d’aria, il fumo di tabacco, l’aria secca proveniente da sistemi di riscaldamento o dal lavoro prolungato di fronte allo schermo di un computer (“sindrome dell’occhio secco”).

Le tre cause principali della secchezza oculare sono:

Congiuntivite

Per la maggior parte di coloro che hanno figli o che ci si relazionano regolarmente per motivi professionali, gli occhi rossi fanno subito scattare un segnale di allarme, perché vengono ricollegati alla congiuntivite. Spesso la patologia è causata da virus o batteri che si diffondono quando i bambini si toccano il viso e poi toccano oggetti condivisi o toccano direttamente qualcun’altro.

Se un bambino ma anche un adulto mostra i sintomi tipici della congiuntivite oltre agli occhi arrossati – come prurito, bruciore, sensibilità alla luce, aumento della lacrimazione e palpebre che diventano appiccicose dopo il sonno – è importante consultare un medico per scoprire se si tratta di una forma contagiosa di congiuntivite che potrebbe dover essere trattata con antibiotici.

Blefarite

A prima vista, un’infiammazione del bordo libero della palpebra può sembrare una congiuntivite. I sintomi comprendono infatti occhi rossi, bruciore o prurito e palpebre appiccicate. Tuttavia è soprattutto la palpebra ad essere interessata.

Anche in questo caso i batteri possono essere responsabili della patologia per questo motivo è così importante consultare un medico che eventualmente prescriverà degli antibiotici. Tra le altre cause vi sono l’alterazione nella produzione di sebo o un disturbo delle ghiandole sebacee della palpebra. Se si tratta di cause non batteriche, la malattia può essere trattata con la giusta cura (pulizia, impacchi caldi e massaggi delicati).

Cheratite

Sebbene l’infiammazione della cornea, cioè la parte anteriore trasparente del bulbo oculare, non sia uno dei problemi di salute dell’occhio più comuni, può portare a problemi di vista seri. Può essere riconosciuto da una cornea torbida, da un dolore agli occhi, da una visione ridotta e da una sensazione di presenza di corpi estranei nell’occhio.

La cheratite può essere causata da batteri, funghi o lesioni. Tuttavia, può anche essere causata da una predisposizione ereditaria o da una patologia (come il diabete mellito o l’abuso di alcool). Anche in questo caso, è necessario consultare urgentemente un medico, poiché se non viene trattata, è possibile che causi cicatrici o, nel peggiore dei casi, distacco della cornea.

Glaucoma acuto

Se gli occhi rossi sono accompagnati da una sensazione di pressione o dolore, problemi di vista, forte mal di testa e nausea, è necessario un intervento rapido. Si consiglia di consultare immediatamente un medico oculista, poiché potrebbe trattarsi di glaucoma acuto. Questa patologia prova il danneggiamento del nervo ottico causato dall’aumento della pressione oculare, che nel peggiore dei casi può portare alla cecità.

Fortunatamente, il glaucoma acuto è una malattia rara. Il 90% delle persone colpite è presbite. In genere, questa tipologia di problemi di salute si verifica al buio, quando le pupille si dilatano causando la chiusura dell’angolo irido-corneale che impedisce l’accesso al sistema trabecolare e quindi il deflusso dell’umor acqueo, con conseguente aumento della pressione intraoculare. Quasi sempre è interessato un solo occhio.

Allergia

Da non dimenticare: anche le allergie possono causare occhi arrossati, acquosi e pruriginosi, poiché colpiscono le mucose degli occhi. I fattori scatenanti possono essere il polline e i peli di animali, ma anche i cosmetici. Naturalmente, se si sospetta un’allergia, si dovrebbe chiedere un parere medico, per effettuare un test e scoprire quale sia il fattore scatenante.

Resta aggiornato sulle ultime notizie con Parola di Donna. Iscriviti al nostro gruppo di cucina Ricette facili e veloci ogni giorno e al gruppo dell’Oroscopo di Paolo Fox ogni giorno.

Fonte: Sagace