Salute

La mutazione del coronavirus è stata sottovalutata

mutazione
Un nuovo studio di uno dei migliori scienziati cinesi ha scoperto la capacità di mutazione del coronavirus, è stata ampiamente sottovalutata e diversi ceppi possono spiegare diversi impatti della malattia in varie parti del mondo.

La professoressa Li Lanjuan e i suoi colleghi dell’Università di Zhejiang hanno scoperto in un piccolo gruppo di pazienti molte mutazioni non precedentemente riportate. Queste mutazioni includevano cambiamenti così rari che gli scienziati non avevano mai considerato che potrebbero verificarsi. Lo studio di Li ha fornito le prime prove concrete che la mutazione potrebbe influire sulla gravità del virus che ha causato la malattia o il danno nel suo ospite.

L’infezione della pandemia e il tasso di mortalità variano da paese a paese e sono state proposte molte spiegazioni. Gli scienziati genetici avevano notato che i ceppi dominanti in diverse regioni geografiche erano intrinsecamente diversi. Alcuni ricercatori sospettavano che i vari tassi di mortalità potessero, in parte, essere causati da mutazioni, ma non avevano prove dirette. Negli ospedali, Covid-19 è trattato come una malattia e i pazienti hanno ricevuto lo stesso trattamento indipendentemente dal ceppo che hanno. Li e i suoi colleghi hanno suggerito che la definizione di mutazioni in una regione potrebbe determinare azioni per combattere il virus.

Il team di Li ha rilevato più di 30 mutazioni. Tra questi 19 mutazioni – o circa il 60% – erano nuove. Il coronavirus cambia a una velocità media di circa una mutazione al mese. Entro lunedì, oltre 10.000 ceppi sono stati sequenziati dagli scienziati di tutto il mondo, contenenti oltre 4.300 mutazioni, secondo il China National Center for Bioinformation.

Il team di Li ha utilizzato un metodo più sofisticato noto come sequenziamento ultra-profondo. Ogni componente del genoma del virus è stato letto più di 100 volte, consentendo ai ricercatori di vedere i cambiamenti che avrebbero potuto essere trascurati dall’approccio convenzionale. Ma questo approccio potrebbe richiedere molto più tempo e denaro. Era improbabile che fosse applicato a tutti i campioni.

“La nostra comprensione del virus rimane piuttosto superficiale”, ha detto Zhang. Domande come la provenienza del virus, perché potrebbe uccidere alcuni giovani sani senza generare sintomi rilevabili in molti altri ancora hanno lasciato gli scienziati a grattarsi la testa.

Leggi anche