Salute

L’olio del tonno in scatola fa bene? Ecco la verità

l’olio-del-tonno-in-scatola-fa-bene?-ecco-la-verita

Il tonno in scatola è un alimento molto consumato. Questo grazie all’olio che lo conserva perfettamente e ne fa questo cibo in scatola una vera prelibatezza da consumare a pranzo e cena. Quando parliamo di tonno, si parla molto di tecniche di pesca distruttrici e infettanti, dannose per la salute.

Si può trovare 100 grammi di tonno in scatola a prezzi popolari, questo perché non sono la stessa varietà di pesci. Effettivamente per quanto riguarda il tonno in scatola, esiste anche un’ampia gamma di specie. Il tonno in scatola è pieno di proteine che accolgono un elevato valore biologico valido per bloccare la sarcopenia, ovvero la mancanza di massa muscolare, problema che si verifica più speditamente con il passare degli anni.

Il tonno pinna gialla o yellowfin è la varietà di tonno più usata dall’industria italiana per le sue caratteristiche organolettiche. Molti consumatori una volta dischiusa la scatola, prima di consumarlo gettano l’olio in cui è immerso.

L’olio del tonno in scatola fa bene? Ecco la verità

Uno dei motivi è il convincimento che essendo un prodotto industrializzato, non sia di ottima qualità. Intanto iniziamo col dire che l’olio non va gettato nel lavandino, perché questo può causare un pesante danno all’ambiente oltre a rischiare l’ingorgo delle tubature. Poi diverse ricerche assicurano che questo sarebbe uno spreco, visto che tale olio è di fatto un ottimo alimento che, tra l’altro, a contatto con il pesce si arricchisce di Omega 3 e vitamina D.

L’olio di oliva della scatoletta di tonno mantiene tutte le peculiarità organolettiche, e prende le proprietà nutrizionali del tonno. Un riutilizzo dell’olio della scatola è ad esempio per cucinare delle gustose bruschette, con l’aggiunta di qualche foglia di basilico.

Oppure se dobbiamo marinare del pesce per la preparazione di un secondo piatto. L’olio delle scatolette non può essere esaminato al pari dell’olio spossato di frittura, che segue un processo di smaltimento come un rifiuto. Un aspetto importantissimo è preferire il prodotto nel vasetto di vetro per poterne esaminare la qualità e soprattutto la freschezza.

In questa circostanza un buon consiglio è di prediligere il pesce dell’Italia e quindi del Mediterraneo. Ecco dunque spiegato perché è un peccato gettare l’olio delle scatolette.

L’articolo L’olio del tonno in scatola fa bene? Ecco la verità proviene da Giornal.it.