Salute

Lenticchie: utili per la dieta e per la nostra salute

lenticchie

Le lenticchie sono comunemente conosciute come la carne dei poveri, per via dell’elevato contenuto di proteine, e ovviamente con costi ridotti rispetto ad altri legumi.

Il valore biologico, effettivamente, non è lo stesso degli alimenti di origine animale come carne, formaggio, uova e latte perché le lenticchie, la differenza è che non contengono tutti gli amminoacidi essenziali per il nostro organismo. Per creare un apporto proteico ad alto valore basta abbinarle ai cereali, che invece sono ricchi proprio degli aminoacidi in modo da compensare. Ciò che si ottiene è un piatto che in fatto di proteine ed è ancora più salutare perché con meno grassi e soprattutto con più fibre.

Aiutano il diabete

Ebbene sì! le lenticchie sono uno scudo nei confronti del diabete. A confermarlo tra gli ultimi è una recente ricerca condotta dall’Università Rovira i Virgili, a Reus in Spagna, pubblicato su Clinical Nutrition. Per studiare il legame tra il diabete di tipo 2 e il consumo di legumi, i ricercatori hanno analizzato un campione di 3.349 persone ad alto rischio di malattie cardiovascolari che al momento dell’inizio dello studio non avevano diabete di tipo 2. Dopo averli seguiti per quattro anni, è emerso che chi ne aveva consumato circa 30 grammi al giorno in più, specialmente di lenticchie, aveva un rischio ridotto del 35% di sviluppare diabete di tipo 2.

Vantaggi

La ricchezza di fibre porta poi un altro vantaggio: rende questo legume un alleato nelle diete dimagranti per via del suo alto valore saziante. In pratica, le fibre insolubili non vengono assorbite dall’intestino per cui bastano pochi cucchiai e lo stomaco si riempie. Non basta: secondo uno studio australiano condotto sotto il patrocinio della International Union of Nutritional Sciences, assumere ogni giorno appena 20 grammi di lenticchie o altri legumi allunga l’aspettativa di vita del 7-8%. L’indicazione di consumare legumi almeno due-tre volte alla settimana rientra, non a caso, anche tra le raccomandazioni del Fondo mondiale per la ricerca sul cancro, dato che secondo gli esperti lenticchie & co. contengono proteine con un basso contenuto di metionina, un amminoacido che regola alcuni geni importanti nei processi d’invecchiamento e nella formazione del cancro. Ce n’è abbastanza per portarle in tavola a San Silvestro… e poi per tutto l’anno.

Leggi anche