Attualità

Tsunami in Giappone di 9 metri: il video diventa virale ma è una bufala

video

In queste ore sta circolando sul web il video di un incredibile tsunami che si sarebbe verificato in Giappone. Il filmato in questione, come avviene spesso e volentieri in questi casi, è passato di persona in persona tramite le famose catene su WhatsApp. 

Diciamo subito che si tratta di una fake news, ma spieghiamo brevemente cosa è accaduto e cosa sta ancora succedendo. Delle immagini spaventose hanno inondato gli smartphone di molti nostri connazionali, riguardanti appunto un incredibile maremoto che avrebbe colpito nelle scorse ore le coste nipponiche.

Le possibili spiegazioni del video virale

Come detto sopra si tratta di una bufala, visto che, negli ultimi giorni, nulla di simile sia accaduto da quelle parti del mondo. Perché allora questa fake news? Una prima spiegazione potrebbe essere data da un terremoto di magnitudo 6.4 gradi sulla scala Richter, quindi decisamente potente, avvenuto due giorni fa proprio in Giappone, nei pressi della prefettura di Miyang.

Potrebbe interessarti:

Va detto comunque che da quelle parti della terra i sisma e gli tsunami sono all’ordine del giorno, di conseguenza, anche se la magnitudo potrebbe spaventare, in realtà si tratta di “normale amministrazione”. Una seconda spiegazione, forse più veritiera, viene invece fornita dai quotidiani online nipponici, che hanno scritto di un panel governativo avvenuto nella giornata di ieri, martedì, in cui si è simulato uno tsunami nel caso in cui la nazione del Sol Levante venisse colpita da un terremoto spaventoso di magnitudo 9.0 gradi sulla scala Richter.

Se ciò avvenisse nella zona nord del paese, e stando agli esperti non sarebbe alquanto improbabile, si potrebbe verificare un maremoto di portata incredibile, che andrebbe a devastare la nazione. Una situazione molto simile a quanto accaduto nel 2011 nella zona nord-orientale, e che ha provocato la morte di 15.000 persone, nonché il famoso incidente presso la centrale nucleare di Fukushima.

Fonte: Il sussidiario 

Leggi anche: