News

Nessuna diffusione del vaccino contro il coronavirus fino alla metà del 2021, afferma l’OMS

L’Organizzazione mondiale della sanità ha detto venerdì che non si aspettava un’immunizzazione diffusa contro il nuovo coronavirus fino alla metà del 2021, nonostante le crescenti aspettative negli Stati Uniti e oltre che un vaccino potesse essere rilasciato entro poche settimane.

In tutto il mondo, i governi sperano di annunciare un vaccino il prima possibile e di lanciare trattamenti per Covid-19, che ha ucciso quasi 870.000 persone e infettato ben oltre 26 milioni.

L’agenzia sanitaria delle Nazioni Unite ha accolto con favore il fatto che un “numero considerevole” di vaccini candidati fosse entrato nella fase finale degli studi di Fase III, che tipicamente coinvolgono decine di migliaia di persone.

“Conosciamo almeno 6-9 persone che hanno già fatto molta strada con la ricerca”, ha detto ai giornalisti a Ginevra la portavoce dell’OMS Margaret Harris. Tuttavia, ha sottolineato, “in termini di tempistiche realistiche, non ci aspettiamo di vedere una vaccinazione diffusa fino alla metà del prossimo anno”.

Ma poiché la pandemia continua a subire un tributo devastante, c’è stata un’enorme pressione per lanciare rapidamente un vaccino. Questa settimana è stato rivelato che Washington ha esortato gli Stati Uniti a prepararsi per un potenziale lancio del vaccino contro il coronavirus entro il 1 ° novembre, suscitando preoccupazioni Presidente Donald Trump. L ‘amministrazione si sta affrettando a iniziare a distribuire un vaccino prima delle elezioni del 3 novembre.

Si chiede il vaccino di emergenza

La Food and Drug Administration statunitense ha anche sollevato la possibilità che un vaccino possa ricevere l’autorizzazione di emergenza prima della fine delle sperimentazioni.

La FDA ha affrontato le accuse da parte della comunità medica, che ha negato, di essersi piegata alle pressioni politiche di Trump, che è dietro allo sfidante democratico Joe Biden nei sondaggi.

La preoccupazione è che, per l’approvazione dell’uso di emergenza, il limite per stabilire un vaccino sicuro ed efficace è inferiore a quello per le normali approvazioni complete.

Diversi dirigenti di aziende farmaceutiche hanno sottolineato giovedì l’importanza di attenersi a norme di test elevate, promettendo di non tagliare angoli sugli standard di sicurezza ed efficacia, anche se corrono per portare sul mercato vaccini e trattamenti contro il coronavirus.

“La buona notizia è che i produttori stanno già scommettendo su quale sarà probabilmente il vaccino”, ha detto Harris.

Molti stavano “già studiando come aumentare la produzione di vaccini una volta che sappiamo quali sono quelli che lanceremo”, ha detto.

Vaccino sicuro ed efficace

Secondo l’OMS, 34 vaccini candidati nel mondo sono attualmente nelle varie fasi di test sugli esseri umani, mentre altri 142 sono in valutazione pre-clinica.

Soumya Swaminathan, il capo scienziato dell’OMS, ha detto ai giornalisti all’inizio di questa settimana che l’agenzia delle Nazioni Unite stava lavorando con esperti di tutto il mondo, inclusa la FDA, per chiarire i criteri per dichiarare un vaccino candidato sicuro ed efficace.

“Ci piacerebbe vedere un vaccino con almeno il 50 per cento di efficacia, preferibilmente superiore”, ha detto.

LEGGI ANCHE:

Resta aggiornato sulle ultime notizie con Parola di Donna. Iscriviti al nostro gruppo di cucina Ricette facili e veloci ogni giorno e al gruppo dell’Oroscopo di Paolo Fox ogni giorno. Guarda i migliori video su Sbaam.