News

Maturità 2020: Esame in classe, ecco come e quando si svolge

maturità

Sono pronte e inviate al Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione per il parere che precede la pubblicazione le ordinanze tanto attese da parte del MIUR su valutazione degli studenti e maturità 2020. Il MIUR ha inviato questa mattina un comunicato ufficiale in cui riassume i punti principali su cui si basano le ordinanze. Eccoli riassunti in breve.

Valutazione

Per dare il giusto peso al percorso scolastico scrive il Ministero  il credito del triennio finale viene rivisto e aumentato: potrà valere fino a 60 punti, anziché 40, come prima dell’emergenza. Al colloquio orale si potranno conseguire fino a 40 punti. Il voto massimo finale possibile resta, infatti, 100/100. Si potrà ottenere la lode, come ogni anno. I crediti del triennio finale di studi saranno ricalibrati secondo le tabelle che saranno allegate all’Ordinanza ministeriale. L’anno in corso avrà un peso fino a 22 crediti. Ancora non sono state rese note nel dettaglio le tabelle di conversione dei crediti scolastici.

Il colloquio

 

  • Tutti avranno la possibilità di svolgere le prove: l’ammissione all’esame di Stato è certa, ma i crediti di accesso e il voto finale si baseranno sul percorso realmente fatto dagli studenti.
  • Le prove iniziano alle ore 8:30 del 17 giugno
  • La prova orale si svolgerà in presenza (a meno che le condizioni epidemiologiche non lo consentano e con specifiche deroghe per casi particolari) davanti a una commissione composta da 6 membri interni e un Presidente esterno
  • Il programma su cui gli studenti saranno interrogati si baserà sul documento del 15 maggio, spostato al 30 maggio date le particolari circostanze.

Le prove

 

  • Un elaborato concernente le discipline di indirizzo, ovvero un argomento concordato che sarà assegnato dai docenti di quelle discipline a ogni studente entro il 1° giugno.
  • La discussione di un breve testo, già oggetto di studio nell’ambito dell’insegnamento di lingua e letteratura italiana durante il quinto anno. Si farà riferimento ai testi contenuti nel documento elaborato dal Consiglio di classe.
  • Un materiale assegnato dalla commissione sempre coerente con il percorso fatto.
  • L’esposizione delle esperienze svolte nell’ambito del PCTO
  • L’accertamento delle conoscenze relative a “Cittadinanza e Costituzione” secondo quanto effettivamente svolto dalla classe.

Leggi anche

Fonte: Studenti.it