News

Lockdown Lite: nuova strategia per le nazioni per combattere i focolai da Coronavirus

Fresco dopo un’estate di relativa libertà seguita da i duri blocchi all’inizio della pandemia, l’Europa sta provando una nuova strategia per fermare la prossima ondata di coronavirus: Lockdown Lite.

Lockdown Lite: blocco parziale per alcuni focolai

A differenza degli ordini permanenti a casa che hanno caratterizzato le risposte alla prima ondata di Covid-19, un blocco parziale non è progettato per interrompere completamente la trasmissione. Invece, l’idea è di concentrarsi su alcuni centri: quartieri, discoteche o feste private, ad esempio – lasciando aperte ampie parti dell’economia.

In tutto il mondo, quasi 32 milioni di persone sono state infettate e 975.000 sono morte da quando il virus è stato rilevato per la prima volta nella città centrale cinese di Wuhan alla fine del 2019 e si è diffuso in tutto il mondo.

Con i tassi di mortalità che si attestano solo a una piccola frazione dei livelli della scorsa primavera, nonostante l’aumento delle infezioni in Francia, Spagna, Regno Unito e altri paesi, i governi vogliono evitare misure draconiane che hanno causato le loro peggiori recessioni nella memoria. È probabile che i blocchi parziali e mobili diventino la norma almeno nel prossimo anno, poiché i paesi aspettano un’immunizzazione efficace e ampiamente accessibile.

Regno Unito, Spagna, Francia e Italia

In tutta l’Europa occidentale questa settimana, le autorità hanno represso la vita notturna, le riunioni limitate e le regole inasprite sull’uso di maschere negli spazi pubblici. Lockdown Lite ha mostrato un certo successo in Europa.

Nel Regno Unito, il primo ministro Boris Johnson ha chiesto ai residenti di lavorare da casa per sei mesi se possono e hanno ordinato a pub e ristoranti di chiudere alle 22:00.

In Spagna, il ministro della Sanità Salvador Illa ha esortato i residenti di Madrid a non uscire di casa a meno che non sia necessario, anche se i ristoranti al di fuori delle zone più colpite possono rimanere aperti fino all’1: 30.

L’obiettivo dovrebbe essere quello di creare una situazione sostenibile in cui le scuole e le economie non siano ostacolate dal virus, piuttosto che semplicemente sperare che un vaccino risolva presto il problema, ha affermato Robert Schooley, specialista in malattie infettive presso l’Università della California a San Diego.

In Francia, i bar nella regione di Parigi e in altre città saranno costretti a chiudere alle 22:00, a partire da lunedì, mentre nella zona di Marsiglia, attualmente una delle più colpite, tutti i ristoranti e i bar saranno chiusi, ha affermato il ministro della Salute Olivier Veran.

La situazione in Italia

In Italia, le autorità hanno chiuso i locali notturni ai primi segni di un’altra ondata di infezioni ad agosto – e sono riuscite a evitare lo stesso grado di recrudescenza di Francia o Spagna.

LEGGI ANCHE:

Non perderti tutti i giorni l’oroscopo sul nuovo gruppo Facebook Oroscopo di Paolo Fox . Resta aggiornato sulle ultime notizie con Parola di Donna. Iscriviti al nostro gruppo di cucina Ricette facili e veloci ogni giorno e guarda i migliori video su Sbaam.