Attualità

La ricerca mostra che le particelle di Coronavirus girano nell’aria

RICERCA

I ricercatori hanno aggiunto nuove prove alla comprensione scientifica di come il  nuovo coronavirus si diffonda principalmente attraverso il contatto diretto con le particelle di tosse e starnuti, il virus può navigare nell’aria.

I dati ci fanno capire che il virus potrebbe avere il potenziale per essere trasmesso attraverso piccole goccioline sospese nell’aria, chiamate aerosol, e che gli aerosol carichi di virus possono svolgere un ruolo nelle superfici contaminanti, portando alla diffusione della malattia. I ricercatori, compresi quelli dell’Università di Wuhan, hanno misurato la concentrazione di Sars-CoV-2 RNA negli aerosol di 30 diverse aree di due ospedali durante l’epidemia di Wuhan, dove sono stati segnalati i primi casi della nuova malattia.

“I nostri risultati indicano che la ventilazione della stanza, lo spazio aperto, la sanificazione dell’abbigliamento protettivo e l’uso e la disinfezione adeguati delle aree del bagno possono limitare efficacemente la concentrazione di Sars-CoV-2 RNA negli aerosol”, hanno detto i ricercatori.

In un ospedale il team ha trovato livelli elevati di RNA virale nelle stanze utilizzate dagli operatori sanitari per rimuovere i loro dispositivi di protezione individuale, suggerendo che particelle di virus venivano scosse dai loro indumenti protettivi nell’aria. Non è stata trovata alcuna traccia del virus dopo la disinfezione delle stanze, incluso lo sterilizzante degli equipaggiamenti protettivi prima della sua rimozione, secondo lo studio.

Per quanto riguarda la diffusione complessiva del virus attraverso gli aerosol, “in ambito comunitario, la realtà che vediamo è che la trasmissione è all’interno di quel quadro di contatto ravvicinato, il che significa che il passante occasionale non è colui che viene infettato”.

Leggi anche

Resta aggiornato sulle ultime notizie con Parola di Donna. Iscriviti al nostro gruppo di cucina Ricette facili e veloci ogni giorno e al gruppo dell’Oroscopo di Paolo Fox ogni giorno.

Fonte: SCMP