Attualità

Giornata mondiale contro la violenza sulle donne

violenza

Il 25 novembre ricorre la Giornata mondiale contro la violenza sulle donne. Ricorrenza istituita il 17 dicembre 1999 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Rappresenta il momento più importante dell’anno per parlare, informare e sensibilizzare su questo grave problema, che, purtroppo riguarda tutti i paesi del mondo.

La data non è stata scelta a caso: il 25 novembre 1960 furono uccise le sorelle Mirabal, attiviste politiche della Repubblica Dominicana. Le tre donne sono considerate ancora oggi delle rivoluzionarie per l’impegno con cui tentarono di contrastare il regime di Rafael Leónidas Trujillo (1930-1961), il dittatore che tenne la Repubblica Dominicana nel caos.

Quel giorno le tre donne, si recarono a far visita ai loro mariti in carcere quando furono bloccate sulla strada da agenti del Servizio di informazione militare che le portarono in un luogo nascosto. Furono torturate, stuprate, massacrate a colpi di bastone e strangolate a bordo della loro auto.

Le sorelle Mirabal sono conosciute anche con il nome Mariposas; esiste un libro della scrittrice dominicana Julia Alvarez “Il tempo delle farfalle” in Italia edito da Giunti, che racconta la loro storia.

La violenza sulle donne ha molti volti

In Italia e nel mondo sempre più donne sono vittime di violenze, molestie, violenze psicologiche, fenomeni di stalking e aggressioni tra le mura domestiche. Mediamente, una donna su tre dai 15 anni in su, subisce violenza. Il 53% di donne in tutta l’Unione Europea afferma di avere paura di essere aggredita ed evita determinati luoghi o situazioni che possono sembrare ambigue.

Le iniziative a tutela delle donne

Per giornata mondiale contro la violenza sulle donne ActionAid lancia a Milano la campagna #Closed4women, per sensibilizzare l’opinione pubblica in difesa dei diritti delle donne. Stamattina era presente il Sindaco di Milano Giuseppe Sala ed ha dichiarato:

«Milano difende concretamente i diritti delle donne sostenendo con risorse proprie i centri antiviolenza, da quelli storici agli ultimi nati, e nove case rifugio dove le vittime di maltrattamenti sono accolte e protette. Vogliamo che qualunque donna che vive una situazione di isolamento e di paura trovi il coraggio per chiedere aiuto: non la lasceremo da sola. E’ un messaggio che intendiamo rinnovare, anche oggi e con forza, ringraziando tutti coloro che, come ActionAid, sostengono battaglie di sensibilizzazione affinché non vengano meno le risorse e si rafforzino la cultura del rispetto e la condanna di ogni atto violento, verbale o fisico. Noi ci siamo».