Attualità

Disney+: serie tv Splash, una censura forzata

SPLASH

Il servizio streaming Diseny+ ha scelto di modificare in fretta una piccolissima scena di nudo presente nel film del 1984, mettendoci una toppa sulla scena originale. E non è il primo caso

 

Com’è noto, la piattaforma di streaming ospita un catalogo che non include solo titoli per bambini, ma è comunque concepita come un ambiente sicuro per tutta la famiglia. Quindi certi frame, soprattutto di nudo o di violenza, sono ritenuti inappropriati. Nella versione originale di Splash si vede per pochi secondi il fondoschiena della protagonista mentre si accinge a ritornare in acqua. Alcuni utenti di Disney+ hanno notato che la scena è stata goffamente censurata perché non rivelasse lo scandalosissimo lato B. Come? Applicando delle mutande di pelo, assolutamente inedite e mai viste prima nel corso del film, sono frutto di un effetto speciale realizzato in fretta e furia.

Non è il primo caso di censura più o meno grave, applicata per salvaguardare i più piccoli, all’interno del servizio streaming: dal classico Dumbo, per esempio, è stata rimossa la scena di Jim il corvo, considerato razzista. La premura del servizio Disney di proteggere a tutti i costi i bambini, insomma, si potrebbe rivelare a volte controproducente, se non assolutamente maldestra.

Leggi anche

Fonte: Wired