Captain Marvel. Brie Larson super eroina anche nella vita

Captain Marvel. Brie Larson super eroina anche nella vita

Captain Marvel è il film del 2019 che rappresenta un vero manifesto del potere femminile e la sua protagonista, l’attrice Brie Larson, è la perfetta incarnazione di una super eroina moderna. La prima a conquistarsi uno spazio tutto suo sul grande schermo nel Marvel Cinematic Universe.

Il film è in programmazione al cinema dal 6 Marzo 2019 ed è imperdibile. Con un cast stellare, empowerment, azione e divertimento sono i tre ingredienti che ti terranno incollata con gli occhi allo schermo.

Captain Marvel, diretto dai registi Anna Boden e Ryan Fleck. Racconta la storia di una donna forte, una donna capace di rialzarsi anche dopo la caduta più sonora, ed in più ha dei super poteri. Ha una tuta rossa e blu, uno sguardo determinato, fa a botte senza tanti scrupoli ma tutto sommato ha il cuore tenero.

Il cast di Captain Marvel

Brie Larson è Vers, Captain Marvel, Carol Denvers. Samuel L. Jackson è Nick Fury, agente dello S.H.I.E.L.D. Jude Law è Yon-Rogg, comandante della potente squadra di nobili guerrieri. Ben Mendelsohn è Talos, uno Skrull che ha guidato l’invasione della Terra. Annette Bening è la Dottoressa Lawson, la leader dell’Impero Kree. Lashana Lynch è Maria Rambeau, una delle più care amiche di Carol e sua collega pilota. Clark Gregg è Phil Coulson un agente alle prime armi dello S.H.I.E.L.D.

Chi è Brie Larson? Una vera e propria eroina

Brie Larson, una donna tosta anche fuori dallo schermo. Combattere gli stereotipi di genere come fa questa attrice richiede forza e determinazione. L’attrice che interpreta Captain Marvel è sostenitrice dell’organizzazione Time’s Up, nata sull’onda del movimento #MeToo. La Larson nonostante abbia vinto un Oscar nel 2016 per il film Room, è rimasta relativamente nell’ombra. Eppure ha fatto dell’empowerment femminile la propria bandiera, portandolo fino alle estreme conseguenze anche al cinema.

Le sue rivoluzioni

 

Dopo l’uscita delle prime immagini di Captain Marvel erano arrivati commenti che sostenevano che il film sarebbe stato migliore se solo Brie Larson avesse sorriso. Cosa che la bella attrice non ha tardato con la risposta. Nelle stories di Instagram ha postato le locandine dei più celebri film di supereroi, tutti uomini fin qui, appiccicando sui volti dei protagonisti dei sorrisi posticci. E dimostrando a tutti quanto fosse una critica assolutamente ridicola: cosa ci sarà mai da ridere se devi fare di tutto per salvare la Terra?

Ha combattuto per l’inclusione: non ci ha solo messo la faccia e qualche dichiarazione, ma ha scelto di assicurarsi che gli incontri stampa non fossero presidiati unicamente da maschi bianchi. Questo ha scatenato una pioggia di polemiche alle quali Brie Larson ha risposto dicendo che non si tratta di escludere nessuno, ma di aprirsi anche ad altri.

Ha rivoluzionato la cerimonia degli Oscar. Di solito i vincitori degli Oscar come Migliore Attore e Attrice vengono premiati da chi ha conquistato la statuetta nella stessa categoria l’anno precedente. Dunque la Migliore Attrice dell’edizione passata premia il Migliore Attore. Così Brie si trova sul palco a dover consegnare l’Oscar 2017 a Casey Affleck, accusato di molestie da una collega. Con sguardo severo, impassibile e zero applausi consegna la statuetta. Per protesta, come risultato l’anno successivo , per non avere Casey che consegnava la statuetta a un’attrice, si è sconvolto il protocollo.