Attualità

4 spiagge italiane da non perdere per l’estate 2020

Queste calde giornate di sole che iniziano a sorgere, ci ricordano che l’estate è quasi alle porte. Allora perché non iniziare a cercare qualche meta sul nostro territorio dove poter trascorrere almeno qualche giorno all’aria aperta!

Il mare è sicuramente la meta estiva più scelta in assoluto, sopratutto per staccare dalla routine quotidiana.Sono 4 le spiagge italiane dove andare quest’estate, come mete ideali e posti incredibili da visitare almeno una volta nella vita.

Estate 2020: in arrivo i lettini in mare per il distanziamento sociale

Spiagge della Sicilia

La prima spiaggia consigliata è sicuramente la Spiaggia dei conigli. Si trova sull’isola di Lampedusa e per la sua straordinaria bellezza è considerata alla pari delle isole caraibiche.  Sabbia bianca finissima, mare cristallino con sfumature di colore indescrivibili e circondata da natura incontaminata: una bellezza indescrivibile! Basti pensare, inoltre, che una delle caratteristiche più peculiari della spiaggia dei conigli, è che le tartarughe marine scelgono di deporre le uova proprio su questa spiaggia. Magari, avrete la fortuna di vedere il momento i cui queste uova si schiudono e centinaia di piccole tartarughe corrono verso il mare.

Un’altra spiaggia per cui vale la pena arrivare sul territorio siciliano, si trova sull’isola più grande delle Egadi ovvero Favignana. In particolare, Cala Rossa è una baia a conca formata da rocce di tufo bianche. Queste rocce, associate all’azzurro spettacolare del mare, creano un paesaggio mozzafiato.

Spiagge della Sardegna

La Sardegna ha davvero tante spiagge stupende e sceglierne solo alcune è una dura impresa. Una delle spiagge meno conosciute ma più bella del Mediterraneo è Cala Mariolu. Questo nome particolare, deriva dalle foche monache che vivevano in questo posto. “Mariolu” deriva da una parola del dialetto sardo che significa ladra: le foche erano solite rubare il pesce appena pescato dalle barche dei pescatori. Cala Mariolu presenta scogli e rocce venute giù da frane, sassolini colorati che vanno dal bianco al rosa: incredibilmente bella! Anche in questo caso abbiamo un mare che nulla ha da togliere alle famose spiagge tropicali.

Tra le spiagge più conosciute di tutta la Sardegna c’è senz’altro la Pelosa di Stintino.  Anche in questo caso, il nome di questa spiaggia ha un suo perché. Il nome deriva dalla vegetazione che la circonda, caratterizzata da pianto con foglie piccole e lunghe come se fossero dei peli di animali. Anche se sempre molto affollata, anch’essa regala un paesaggio perfetto: fondali di diverse profondità che danno sfumature di colori particolarissime quasi come un dipinto. Il paesaggio è inoltre caratterizzato dall’isoletta della Pelosa, su cui si trovano dei ruderi di un’antica torre.

Leggi anche:

 

Resta aggiornato sulle ultime notizie con Parola di Donna. Iscriviti al nostro gruppo di cucina Ricette facili e veloci ogni giorno e al gruppo dell’Oroscopo di Paolo Fox ogni giorno.