Il reddito di maternità, per alcuni diventa vitalizio

Il reddito di maternità, per alcuni diventa vitalizio

La proposta fatta dal coordinatore nazionale del Popolo della Famiglia, Mirko De Carli, si chiama Reddito di maternità. Si tratta di un reddito garantito per otto anni alle mamme che non lavorano. Che potrebbe diventare un vero e proprio Vitalizio.

Una proposta di legge di iniziativa popolare, per la quale bisogna raccogliere firme, per le donne che scelgono di fare le mamme a tempo pieno.

Cosa propone il reddito

Ad oggi sono state raccolte più di 50 mila firme. Si spera che per la fine di Aprile ne siano ancora di più, così la proposta sarà depositata in Parlamento. Si tratta di mille euro al mese esentasse, garantito per otto anni, secondo quanto vuole la legge, viene fatto ripartire ogni volta che nasce un altro figlio: mentre dal quarto figlio in poi e in caso di diversamente abili, diventerebbe vitalizio.

Le prime dichiarazioni

Mirko De Carli parla della proposta così: “Ci piacerebbe che la Sardegna fosse la prima in Italia ad investire su un modello di famiglia che fa figli, anche perché l’Isola ha i tassi di natalità tra i più bassi a livello italiano ed europeo. Attraverso Fortza Paris e i Riformatori contiamo di incardinare una proposta di legge ad hoc all’interno dei lavori della nuova Giunta Solinas”.

Reddito di maternità (RDM): Circa dodicimila euro annui netti privi di carichi fiscali o previdenziali

Le parole di Mario Adinolfi, presidente nazionale del Popolo della Famiglia: “Le donne che si dedicano in via esclusiva alla cura dei figli e della famiglia non sono donne di serie B. Fanno un lavoro di serie A, indispensabile per tutta la società”.