Gli abbracci fanno bene al tuo bambino

Gli abbracci fanno bene al tuo bambino

Per fortuna oggi si è capito che le coccole e gli abbracci non viziano nessuno, anzi! Ma fino a qualche anno fa se una mamma teneva spesso in braccio il bambino veniva colpevolizzata di voler viziare suo figlio. E per questo il bambino veniva lasciato in culla a piangere.

È diventata prassi comune negli ospedali mettere subito in contatto il bambino appena nato con la mamma. I neonati vivono il mondo attraverso il tatto. Il tatto è il senso che trasmette loro tantissime sensazioni e permette di scoprire lo spazio che li circonda e gli oggetti con cui viene a contatto.

Avviene subito un contatto  fisico e visivo con la mamma, e queste coccole e incroci di sguardi pongono le basi della relazione madre-figlio. Aiuta il bambino a riprendersi dal travaglio e dal parto, a calmare la respirazione e la frequenza cardiaca del bambino, e a ridurre al minimo lo stress e l’ansia da separazione nel neonato.

Gli abbracci aiutano il tuo bambino

Uno studio, pubblicato sulla rivista Current Biology dimostrano dell’importanza delle coccole per il normale sviluppo sensoriale dei bambini. In particolare rivestono un ruolo fondamentale per i milioni di bambini che nascono prematuri ogni anno e che spesso devono trascorrere lunghi periodi di tempo in unità di terapia intensiva neonatale.

Secondo la dottoressa Natalie Maitre, bisognerebbe fare in modo  che i bambini prematuri possano sempre avere la possibilità di contatto con i genitori, abituando così il loro cervello a rispondere alle carezze in modo simile a quelli dei bambini che hanno avuto una gravidanza a termine.

I ricercatori hanno notato che la percezione tattile da parte di nati prematuri può essere influenzata dalle procedure mediche a cui sono sottoposti. Ma la buona notizia è che gli abbracci possono aiutare a contrastare le esperienze negative. Si è visto infatti che se i prematuri ricevono stimoli tattili positivi da parte dei genitori o dello staff ospedaliero, più forti erano le risposte del loro cervello.

Abbracciare significa stimolare il cervello

Sapere che ogni volta che abbracciamo i nostri piccoli può portare solo beneficio. E’ un modo per sentirsi utili e partecipi in una situazione che spesso fa sentire mamme e papà impotenti. Con un abbraccio a noi genitori si riempie il cuore e i loro cervelli crescono ancora più velocemente, e in questo abbiamo un ruolo insindacabile. Per i nuovi genitori: il vostro tocco conta più di quanto possiate immaginare. Stringete forte i vostri figli e fategli sentire tutto il calore di cui hanno bisogno.