Mamma

Ritrovarmi come mamma: 5 cose che ho fatto per essere me stessa dopo aver avuto un bambino

mamma

Traduzione dall’articolo originale su sheknows

“Questo non è normale. Non sto bene”, singhiozzai al telefono in quel modo, in un certo senso, pieno di pianto. La mia migliore amica, Mer, mi aveva chiamato per controllarmi il giorno dopo che tornai a casa dall’ospedale con mia figlia. Ostetrica, mi aveva aiutato me stessa e mia figlia pochi giorni prima.

Con il mia migliore amica al timone, non avrei potuto chiedere una nascita più supportata. Nei giorni che seguirono in ospedale, tuttavia, trascorsi gran parte del mio tempo a sentirmi completamente sopraffatta. Il passaggio alla maternità è stato più radicale di quanto mi aspettassi. Quando tornai a casa, entrai nella stessa casa che avevo lasciato pochi giorni prima, ma tutto sembrava diverso. All’improvviso, con mia figlia al seguito, quando entrai in casa ero entrata in una vita completamente nuova.

Tre anni e due bambini dopo, non posso immaginare la mia vita senza i miei figli, né vorrei. Avevo ragione quel giorno: la mia vita ora è diversa e la strada per “riconoscermi” postpartum era sconnessa (per non dire altro).

Ecco le cinque cose che ho fatto per ritrovarmi come mamma.

1. Sono andata in terapia

Ho avuto mia figlia un lunedì, sono tornata a casa dall’ospedale un mercoledì ed ero seduta con il mio terapista nel suo ufficio di venerdì alle 15:00. La gente parla di “baby blues”, ma avevo qualcos’altro. Non riuscivo a calmarmi. Non mi vergogno di dire che ho avuto la depressione postpartum e anche l’ansia. Avere il supporto di un professionista qualificato ha avuto un impatto monumentale quando ho iniziato a raggiungere un posto dove potevo sentirmi di nuovo me stessa.

2. Ho trovato nuovi modi per divertirmi con i vecchi hobby

Ci sono poche cose che mi piacciono di più che leggere. Sfortunatamente, le poppate e gli infiniti carichi di biancheria per neonati non erano esattamente utili per raggomitolarsi sul divano con un ottimo libro. Ascoltare un grande libro, tuttavia, è stato perfetto per la mia nuova routine. Gli audiolibri non mi hanno semplicemente aiutato a passare il tempo e ad esplorare la mia lista dei desideri di lettura; scoprire che in realtà avevo ancora più tempo per perseguire uno dei miei hobby preferiti è stata un’ancora di salvezza nel conciliare la mia “vecchia vita” con la mia nuova.

3. Ho coltivato anche nuovi hobby

Quando mia figlia aveva sette settimane, mi sono ritrovata con due ore di assistenza all’infanzia inaspettata un martedì pomeriggio a caso. Per un capriccio, mi iscrissi a una lezione di sbarre, non sapendo nemmeno cosa fosse. Tutto quello che sapevo era che erano 15 minuti da casa mia, volevo allenarmi e che la lezione si adattava perfettamente al mio arco di tempo. Ho provato spontaneamente qualcosa di nuovo e l’ho adorato. Molte cose della mia vita erano cambiate con la maternità e scoprire qualcosa di nuovo alle mie condizioni era esattamente ciò di cui avevo bisogno.

4. Ho investito in comunità

Stare a casa con un neonato può essere isolante, e ho subito capito di essere più felice quando ho trascorso del tempo con altre persone. Ho fatto un piano per uscire di casa ogni giorno e connettermi con altri adulti; Ho incontrato amici vicino al loro ufficio per un caffè o un pranzo, mi sono iscritta a gruppi di neomamme e quando tutto il resto ha fallito, ho parlato con sconosciuti (di solito altre donne sedute con passeggini nei bar o al parco). Non avrei potuto immaginare quanto sarebbero state importanti le relazioni che ho costruito con quei nuovi amici durante questo periodo. Più facevo affidamento su quella comunità e parlavo con altre donne, più mi rendevo conto: adattarsi alla maternità è una sfida per quasi tutti – e di solito non sei l’unica mamma ad avere una giornata difficile.

5. Sono tornata al lavoro… e l’ho schiacciato

Ero nervosa ed emotiva per tornare al lavoro (chi non lo è?). Accomodarsi nella vita della mamma che lavora è stata una transizione, proprio come diventare madre era stata cinque mesi prima. Come tante donne che conosco, sono tornata al lavoro proprio quando stavo davvero impiccando l’intera faccenda della mamma.

Tre settimane dopo il mio ritorno al lavoro, ho guidato un incontro, presentandomi in una stanza piena di 25 persone. In piedi davanti alla stanza per svelare una nuova iniziativa, mi sono sentita davvero di nuovo “me”. L’iniziativa è stata lanciata ed è stato un successo strepitoso. Seminare panico, prendere la reputazione e cambiare i pannolini non mi ha fatto sentire come il mio vecchio io – mi ha fatto sentire la versione migliore del mio nuovo io.

Ora, da più di tre anni, non mi riconosco. Riconosco la crescita che mi ha reso una versione migliore di me stessa. Sono ancora appassionata delle cose che ho amato prima dei miei figli. Ho un nuovo e più grande apprezzamento per la mia incredibile comunità. E nel complesso, sono una versione più resistente di me stessa in questo (ora non così) nuovo capitolo della mia vita.