Amore Attualità

Coronavirus: dopo farina e lievito è il turno della carta igienica. Ecco perché va a ruba

In questo periodo di quarantena a causa della pandemia causata dal coronavirus è stato molto difficile reperire alcuni prodotti anche di prima necessità. Tra farina, lievito e carta igienica molti paesi hanno trovato non poca difficoltà.

Ma perché in Regno Unito, America e Francia la carta igienica è andata così a ruba? Da quando è scoppiata la pandemia da Coronavirus in tutto il mondo le persone hanno fatto la corsa a svaligiare, letteralmente, gli scaffali dei supermercati.

A cosa non possiamo rinunciare?

Qui in Italia, in pochissime ore, è andata letteralmente sold out la farina (di qualsiasi tipo) e il lievito. Questo testimonia che noi italiani non riusciamo a rinunciare alla pizza, alla pasta e al pane fatto in casa. Ma, negli altri paesi, soprattutto in America l’assalto è stato per la carta igienica.

Perché è andata subito sold out la carta igienica negli altri paesi?

E’ molto semplice, non c’entrano nulla le fake news ma semplicemente perché è uno dei pochi oggetti facilmente riconoscibili. Ebbene si avete capito bene, la carta igienica va a ruba perché tutti la comprano e quindi si è scatenato il pensiero che serva per chissà quali motivi.

Sul web, sopratutto sui canali Youtube ci sono tantissimi video che mostrano persone che litigano fra loro per accaparrarsi proprio i rotoli di carta igienica.

La paura per il covid-19 fa comportare le persone in modo strano

La paura per questo virus ha fatto sì che tutti cadessero in un vero e proprio stato psicologico di shopping compulsivo. Quindi l’approvvigionamento alle materie prime, è stato dettato da uno stato psicologico di ansia che porta, il consumatore a comprare anche beni di cui non ne ha bisogno.

Come capire se una cosa è importante e ci serve oppure no?

Rispondere a questa domanda è molto semplice: tutto è in base alle abitudini che ognuno di noi ha in casa. Ma in un momento di pandemia, come quello che stiamo vivendo ora, tutti i canoni sono saltati.

Sui social, oramai sono diventati virali le immagini e i video delle lunghe file che in tanti fanno fuori dai vari negozi. E non solo, anche quello che c’è nei carrelli è da commentare e criticare all’occorrenza. Ma fa venire la voglia di comprarlo lo stesso, perché se lo compra il vicino e lo fanno in tanti significa che ne abbiamo bisogno tutti noi.

LEGGI ANCHE: